Foto olivi
 

Foto oliveto secolare L'Emilia-Romagna, pur essendo una regione ad interesse prettamente frutticolo, presenta un'olivicoltura da olio caratterizzata da prodotti di alto livello qualitativo, la presenza sul territorio di cultivar autoctone, le caratteristiche dei microambienti e l'adozione di tecniche razionali nella coltivazione dell'olivo, garantiscono l'ottenimento di oli ad elevato valore nutrizionale ed organolettico.

La tutela delle cultivar autoctone di olivo e la loro reintroduzione nelle zone rurali collinari e pedecollinari dell'Emilia-Romagna assumono sempre più non solo un valore produttivo ma anche un importante valore ecologico contribuendo alla salvaguardia del paesaggio e al miglioramento dell’assetto idrogeologico dei terreni.

A tale proposito l'IBIMET-CNR ha svolto la propria attività tecnico scientifica in concomitanza con l'azione A del progetto riguardante le operazioni collettive di mantenimento degli oliveti ad alto valore ambientale e a rischio d'abbandono. Il sito raccoglie tutti i risultati delle prime due annualità del progetto. Il sito descrive sinteticamente l’attività svolta da IBIMET-CNR, e contiene le schede delle singole piante censite. Queste ultime sono corredate da documentazione fotografica e da una visualizzazione georeferenziata che permette di avere informazioni sull’ubicazione della pianta anche attraverso immagini satellitari.

Foto oliveto Grazie a diversi contributi sono disponibili sul sito indagini storiche sulla presenza dell'olivicoltura in alcuni territori della Regione.

L'azione A prevede un coinvolgimento, nel triennio di attività di mantenimento degli oliveti, di circa 3000 piante corrispondenti ad una superficie media complessiva di 150 ettari (50 ettari ad ogni annualità); la parallela indagine conoscitiva annuale svolta da IBIMET-CNR ha l’obiettivo di individuare, descrivere, riconoscere e catalogare gli esemplari di olivo secolari a maggior valenza ambientale e paesaggistica.
le provincie di Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini.

 
  Ultimo aggiornamento: 20-03-2009 15:51